Le storie

Giolab13: la storia della sarta che confeziona solo pezzi unici

Quella che donneinstoffa porta in scena questa settimana è la storia di una donna instancabile. Una donna che ha imparato a districarsi tra due lavori e una famiglia numerosa pur di seguire quella che è la passione di una vita: l’handmade. Questa è la storia di Giorgia e del suo progetto: Giolab13.

Un sogno chiuso in un cassetto per dieci anni, ma che è sempre stato lì, in attesa di essere tirato fuori, spolverato e accarezzato. In attesa del giorno in cui il coraggio è stato più forte della paura e la nostra protagonista ha iniziato a esprimere la creatività che pulsava dentro di lei dando vita alla prima borsa fatta a mano.

Con la complicità di un’amica che per prima ha messo il suo negozio a disposizione, il progetto di Giorgia ha preso forma e ha tutto il sapore dell’esclusività: borse fatte a mano, solo pezzi unici e numerati. Borse confezionate con tessuti e materiali di alta qualità che la nostra creativa sceglie con cura seguendo quell’istinto che la guida facendole immaginare il capo finito già dal primo momento in cui tiene lo scampolo in mano.

Un’idea, un disegno, un modello e, infine, il la borsa finita. Non c’è niente che dia alla nostra protagonista più soddisfazione di questo processo creativo e questa gratificazione la fa andare avanti nonostante le complicazioni che costellano la strada del mondo del fatto a mano.

Di Giorgia ci hanno colpito la sua perseveranza e la sua instancabilità. Noi di donneinstoffa abbiamo raccolto le sue parole in un’intervista che vi aspetta venerdì 23 aprile, se lo vorrete, sempre qui, sempre su donneinstoffa.

Qui sotto, intanto, vi lasciamo i suoi contatti:

Giorgia Papalia – Giolab13

www.giolab13.it

Instagram: www.instagram.com/giolab13_handmade

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *