Le storie

La sarta cresciuta cucendo: la storia di “Irene Hat dress”

Una donna che ha sempre sognato di lavorare tra stoffe e bottoni. Un hobby che diventa professione, con tanta grinta e voglia di fare: è la storia di Anna quella che donneinstoffa porta in scena questa settimana. È la storia di “irEne handmade hats and dresses”.

Un racconto che parte da una bambina che disegna modellini di abiti e, con l’aiuto della mamma, cuce i primi vestini per le barbie con cui gioca. Quella bambina diventa ragazza, si diploma in ragioneria e studia in una scuola di modellistica e modisteria, con l’hobby della sartoria che pian piano entra sempre di più nella sua vita.

Da ragazza a donna, il grande passo: nel 2010 apre la partita iva e dà vita ad un progetto tutto suo, dandogli il nome dei suoi figli, Irene ed Enrico. “irEne handmade hats and dresses” oggi è un laboratorio di idee, modelli e abiti a cui Anna, la bambina diventata ragazza e ora donna, affianca l’insegnamento in una scuola di arte e moda e in una cooperativa.

Non lasciarsi abbattere dalle difficoltà, dare il giusto peso ai problemi quotidiani circondandosi di persone positive e sempre con il sorriso sulle labbra. È questa, probabilmente, la ricetta che in questi anni ha accompagnato il lavoro della nostra protagonista; una donna forte, che va avanti con sacrificio e umiltà, parola che torna spesso nelle risposte che Anna ha dato alle nostre domande.

Ci ha raccontato molto di lei, la nostra protagonista. Abbiamo raccolto le sue parole per voi e, se vorrete, vi aspettano sempre qui, sul sito di donneinstoffa, venerdì 13 novembre.

Qui sotto, intanto, vi lasciamo i suoi contatti:

Anna Venchiarutti – irene handmade hats and dresses

www.irenehandmade.com

Instagram: http://www.instagram.com/irenehatdress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *