Le storie

Antonella Loparco: la storia della sarta che ama il silenzio

Una giovane donna amante dell’arte in ogni sua forma. Una creativa che ama i viaggi, quelli colmi di luoghi da visitare, bellezze da scoprire, che riempiono il cuore e nei quali arrivi a sera stanchissimo ma tanto felice. Una sarta che ama i silenzi, silenzi da riempire con idee che altrimenti non avrebbero mai trovato lo spazio per nascere. La storia che donneinstoffa porta in scena questa settimana è una storia di passione, curiosità e creatività: è la storia di Antonella Loparco.

Antonella si è diplomata in un istituto d’arte, ha lavorato in un laboratorio sartoriale, si è specializzata come modellista. Se le chiedete di parlare delle sue passioni, vi racconterà del suo amore per i tessuti, del suo lavoro. Vi racconterà di come agli inizi della sua carriera non fosse soddisfatta delle sue mansioni di sarta e modellista e abbia deciso di andare oltre e approfondire gli aspetti stilistici e creativi fino a prendere la decisione più importante e difficile: quella di mettersi in proprio, di creare un brand e metterci la faccia.

Di questa scelta la nostra protagonista della settimana non si è mai pentita. Sa di aver trovato la strada giusta: è riuscita a trasformare le sue passioni nel lavoro dei suoi sogni.

E così, da quel giorno che ha segnato quel primo passo, Antonella  non ha mai smesso di creare. Vive tra tessuti di alta qualità, quasi sempre disegnati da lei, e progetta, disegna, lasciando libera la sua creatività senza porle freni. Del resto, come dice lei stessa: “Non limitate mai le vostre idee, i progetti migliori vengono sempre fuori dalle idee più folli!”

Antonella ci ha raccontato tanto di lei, del suo percorso e delle sue passioni. Noi abbiamo raccolto le sue parole in un’intervista e non vediamo l’ora di condividerle con voi questo venerdì 9 aprile, sempre qui, sempre su donneinstoffa.

Qui sotto, intanto, vi lasciamo i suoi contatti:

Instagram: https://www.instagram.com/antonellaloparco

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *